Con il sostegno del Comune di Roma e con il patrocinio e sostegno dell’Ambasciata di Francia in Italia, il 10 dicembre apre i battenti la prima edizione di Italian Experimental Cinema V.1 ’08, mostra di cinema d’artista italiano dalle origini del Futurismo al nuovo Millennio, a cura di Piero Pala.

Nell’ambito della manifestazione dal 10 al 14 dicembre i locali del Nuovo Cinema Aquila (a Roma in via L¹Aquila 68, zona Pigneto), oltre a proiezioni cinematografiche degli e sugli artisti del cinema sperimentale, ospiteranno anche opere grafiche, fotografiche ed installazioni multimediali, per offrire ai visitatori un ampio panorama del cinema italiano sperimentale e “d’artista”.

Per l’occasione, oltre 40 artisti e cineasti contemporanei sono stati chiamati a proporre le loro opere, figlie  della nuova era digitale, nelle quali assistiamo di volta in volta al riciclo di materiale in pellicola, alla costruzione di apparecchiature stenopeiche Super-8, all’uso di cineprese Super8, 16mm, 35mm, videocamere digitali, personal computer, applicazioni di editing scanning e rendering.

Un’indagine variegata e approfondita dei mezzi di produzione dell’immagine, fonte di rinnovamento del linguaggio audiovisivo oggi, come un tempo, ai primordi del cinema, lo è stata quella dei mezzi di ripresa e proiezione analogici, poiché nel cinema (come altrove) tecnica e contenuto non sono estranei nè indifferenti l’uno all’altra.

Il programma e alcuni interessanti approfondimenti li troverete cliccando qui: programma